31 agosto 2010

Perchè non si chiede che lasci l'Unicredit?

Vabbè che pecunia non olet (per favore non facciamo Alice nel Paese delle Meraviglie: da sempre gli interessi economici fanno girare il mondo e questo tutti lo sanno benissimo), però effettivamente lo show romano di Gheddafi, per quanto in fondo solo innocuo folklore, ha abbondantemente passato il limite della pubblica decenza. Un baraccone penoso, tragicomico, offensivo. Da trasferta in nazione terzomondista, non in un Paese europeo. Ma non voglio parlare di questo, che mi sembra francamente chiaro a tutti e sotto gli occhi di tutti, voglio parlare della relativa ondata di "indignazione nazionale" che ha subito imperversato sui nostri italici giornali. Già, tutti indignati, tutti a urlare all'insulto per la nazione. Ecco, se c'è tutta questa indignazione e questo danno per la dignità dell'Italia, non capisco perchè gli stessi blasonati giornali non chiedano a gran voce, anzi pretendano, che innanzitutto Gheddafi venga buttato fuori da una delle principali banche del nostro Paese, ovvero Unicredit. Già, Gheddafi è grande azionista dell'Unicredit di Alessandro Profumo. Chiedano i nostri giornaloni con i loro illuminati direttori e opinionisti, quelli che denunciano lo scandalo nazionale, che Gheddafi lasci la banca. Si possono raccogliere firme, fare campagne stampa, chiedere leggi ad hoc. Sarebbe giusto e sacrosanto. Soprattutto sarebbe coerente. Ma così non è. Siamo alle solite: parole al vento e ipocrisia...

Etichette: ,

4 Commenti:

Blogger Andrea F. ha detto...

Ciao,
purtroppo il problema è più serio di quanto si pensi e non limitato al solo Colonnello.
In Italia sono stati indentificati i siti di interesse nazionale, tra cui le principali banche, che sono da proteggere con sistemi di disaster recovery e business continuity in quanto essenziali per il corretto funzionamento del sistema paese.
Giusto prevedere rimedi in caso di attacchi terroristici ed eventi catastrofici, ma lacunoso sulla normativa che ne disciplina la proprietà. Se una banca, tipo Unicredit, è così vitale per il paese è corretto che chiunque possa entrare nella governance o addirittura scalarla?
Io non ne sono del tutto convinto....

1:31 PM  
Anonymous Albert Antonini Mangia ha detto...

Se per ragioni economiche è giusto che il Colonnello possieda azioni Unicredit così sia!
Ciò non toglie che noi tutti (ed anche i direttori dei giornali) siamo liberi di indignarci e criticare il comportamento di Gheddafi e di chi accetta il suo circo folkloristico

7:07 AM  
Blogger Federico ha detto...

non è tanto il polverone levatosi da destra e sinistra che mi preoccupa, quanto il fatto che l'Italia è costretta a SUBIRE Gheddafi con tutto ciò che ne consegue.
Abbiamo stretto legami con la Libia, un paese che non conosce diritti umani e che vede ancora in auge la pena di morte. Eppure la Libia economicamente ci appoggia, ha partecipazioni nelle aziende italiane.
Quello che mi spaventa è la debolezza economica del nostro paese ed i compromessi a cui siamo costretti per "andare avanti".

9:12 AM  
Anonymous finanza ha detto...

il colonnello serve perche ha liquidita .

10:19 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Post precedenti:

per leggere tutti i post precedenti consulta subito qui di seguito l'archivio del blog organizzato su base mensile

| dicembre 2004 | gennaio 2005 | febbraio 2005 | marzo 2005 | aprile 2005 | maggio 2005 | giugno 2005 | luglio 2005 | agosto 2005 | settembre 2005 | ottobre 2005 | novembre 2005 | dicembre 2005 | gennaio 2006 | febbraio 2006 | marzo 2006 | aprile 2006 | maggio 2006 | giugno 2006 | luglio 2006 | agosto 2006 | settembre 2006 | ottobre 2006 | novembre 2006 | dicembre 2006 | gennaio 2007 | febbraio 2007 | marzo 2007 | aprile 2007 | maggio 2007 | giugno 2007 | luglio 2007 | agosto 2007 | settembre 2007 | ottobre 2007 | novembre 2007 | dicembre 2007 | gennaio 2008 | febbraio 2008 | marzo 2008 | aprile 2008 | maggio 2008 | giugno 2008 | luglio 2008 | settembre 2008 | ottobre 2008 | novembre 2008 | dicembre 2008 | gennaio 2009 | febbraio 2009 | marzo 2009 | aprile 2009 | maggio 2009 | giugno 2009 | luglio 2009 | agosto 2009 | settembre 2009 | ottobre 2009 | novembre 2009 | dicembre 2009 | gennaio 2010 | febbraio 2010 | marzo 2010 | aprile 2010 | maggio 2010 | giugno 2010 | luglio 2010 | agosto 2010 | settembre 2010 | ottobre 2010
__________________________________________________________________________________

fuorimercato2011@gmail.com